14 anni

Cos'è il contratto di lavoro intermittente?

Cercolavoro.com
Trova il tuo Talento adesso!

Cos'è il contratto di lavoro intermittente?

Cos'è il contratto di lavoro intermittente?

15-4-2009 | Categoria: FAQ Contratti di Lavoro

Il contratto di lavoro intermittente anche conosciuto come contratto a chiamata è un contratto di lavoro mediante il quale il lavoratore è a disposizione del datore di lavoro per svolgere determinate prestazioni di carattere intermittente o discontinuo o per svolgere prestazioni in determinati periodi nell'arco della settimana, del mese o dell'anno.
E' stato introdotto in Italia dal D. Lgs. n. 276/2003, meglio noto come Legge Biagi, poi abrogato con con la Legge 24 dicembre 2007, n. 24 ed infine reinserito dall'art. 39 comma 11 del decreto legge 25 giugno 2008 n. 112, conv. nella legge n. 133/2008.

Questa tipologia di contratto è prevista in due forme:
1) con l'obbligo di corrispondere un'indennità di disponibilità;
2) senza obbligo di corrispondere un'indennità di disponibilità;
a seconda che il lavoratore scelga di essere o meno vincolato alla chiamata.


L'indennità che dovrà percepire il lavoratore se non è stabilita nei contratti collettivi di settore non dovrà essere inferiore al 20% della retribuzione mensile.
Le regole per avvalersi a questo tipo di contratto sono normalmente stabilite dalla contrattazione collettiva ma la regola generale è quella di utilizzarlo per lavori discontinui.
Infine è bene ricordare che non si può utilizzare il contratto intermittente se il datore di lavoro non ha effettuato la valutazione dei rischi o per sostituire gli operai in sciopero o se ne sei mesi precedenti il datore di lavoro ha effettuato licenziamenti collettivi o anche se sia in corso una sospensione dei rapporti o una riduzione dell'orario di lavoro (cassa integrazione).

Nessun commento presente


Scrivi un commento


(La tua email non verrà visualizzata sul sito)
(descrizione breve del commento)